GLI ANZIANI.

Standard

Caffè Letterario

vecchietta

In una ragnatela del tempo trascorso, sul viso è stata stilata una mappa, un lungo percorso.
Nelle gambe e nelle ossa la stanchezza e lo stento, dei troppi passi avanzati, anche contro vento.

La dolcezza costruita sopra ogni delusione, con resilienza, della malinconia del passato un concentrato, la sua vera, densa essenza.

Occhi consumati dalla vista dei troppi mari blu,
di quel pontile che c’era un tempo, e che ora non c’è più.
Orecchie un po’ sorde per le mille canzoni, che hanno saputo cullare infiniti sogni e i sonni, lieti, di più generazioni.

Mani, rigide e raggrinzite, che hanno curato, le proprie o altrui più grosse ferite.
E un animo appesantito da perdite e pena, e un cuore affaticato per un’esistenza piena.

La pelle secca, i capelli bianchi, l’espressione contratta per i dolori, tanti.
E l’amore che una volta o due ha bussato,
così tanto forte da far sussultare…

View original post 144 altre parole

Annunci

esprimi la tua opinione.....

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...