Elisir… di sangue – I

Standard

Ninety-nine News

Sangue al sangue: ricerca sull’invecchiamento

Collegando chirurgicamente coppie di animali, gli scienziati hanno mostrato che il sangue giovane ringiovanisce i tessuti vecchi. Ora cercano di capire se lo stesso vale per l’uomo.
Di Megan Scudellari

Due topi si accovacciano uno di fianco all’altro, sbocconcellando del cibo. Quando uno dei due si gira, diventa chiaro che il cibo non è la sola cosa che condividono – zampe anteriori e posteriori sono state cucite assieme, e i punti di sutura corrono per tutta la lunghezza dei loro corpi, unendone la pelle. Sotto la pelle, gli animali sono uniti in modo più profondo: nelle loro vene scorre il sangue l’uno dell’altro.

La parabiosi è una tecnica chirurgica di 150 anni, che consiste nell’unire i sistemi vascolari di due animali viventi. (La parola viene dal greco para, accanto, e bios, vita). Replica esempi naturali di sangue condiviso, come è il caso per i…

View original post 831 altre parole

Annunci

In Italia 1,2 milioni di malati di demenza senile

Standard

hashtag #italia

Ogni 3,2 secondi una persona nel mondo si ammala di demenza senile. Oggi i pazienti sono 46,8 milioni, di cui circa il 50-60% soffre di Alzheimer. Gli italiani con demenza sono 1.241.000 e i nuovi casi nel 2015 sono stati finora 269.000. Sono i dati dell’ultimo Rapporto mondiale Alzheimer redatto dall’Alzheimer’s Disease International (Adi), diffusi nel nostro Paese dalla Federazione Alzheimer Italia.

Il report, intitolato ‘L’impatto globale della demenza: un’analisi di prevalenza, incidenza, costi e dati di tendenza’, prevede che il numero di malati nel pianeta sia destinato quasi a raddoppiare ogni 20 anni, fino a raggiungere 74,7 milioni nel 2030 e 131,5 mln nel 2050. Sono infatti oltre 9,9 mln i nuovi casi di demenza ogni anno. In Italia la situazione è altrettanto drammatica, con una stima di 1.609.000 malati nel 2030 e 2.272.000 nel 2050. Secondo il rapporto, i costi economici e sociali della demenza ammontano oggi a…

View original post 150 altre parole

Le case di riposo che ospitano anche gli studenti universitari: fanno bene alle tasche e al cuore

Standard

Lombard street

Metti una casa di cura e degli studenti squattrinati. Metti un po’ di sano volontariato e praticità. Ora, anche se per le nostre testoline italiote risulta complicato, pensate che studenti universitari e anziani potrebbero essere tra loro i migliori compagni di casa, dei conviventi a tutto tondo.

Sorgente: Le case di riposo che ospitano anche gli studenti universitari: fanno bene alle tasche e al cuore

View original post

La sventura di invecchiare in Mozambico

Standard

AfroFocus

Secondo il Global AgeWatch Index 2015, è una sventura invecchiare in Mozambico, dove le persone che superano i sessant’anni sono spesso vittime di violenza domestica, non hanno facile accesso ai servizi sanitari pubblici e molte volte vengono utilizzati come capri espiatori quando c’è da incolpare qualcuno per episodi di stregoneria.

View original post 222 altre parole

#MEDITAZIONE VUOL DIRE METTERE LA MENTE IN DISPARTE….

Standard

Studio di Naturopatia di Alessandria

‪#‎MEDITAZIONE‬ VUOL DIRE METTERE LA MENTE IN DISPARTE, COSI’ CHE NON INTERFERISCA PIU’ CON LA REALTA’ E TU POSSA VEDERE LE COSE PER CIO’ CHE SONO”
(‪#‎Osho‬)

Ci ritroviamo ancora una volta a ‪#‎MEDITARE‬ presso‪ #‎ILGATTOZENCAFE‬‘ ad #Oviglio (Al) dalle 18.30 alle 19.30 di
VENERDI’ 23 e VENERDI’ 30 OTTOBRE.
La partecipazione è ad offerta libera. E’ richiesta la tessera di adesione all’associazione Liberi di Essere Uniti (costo 5€).

Per partecipare occorre prenotare al numero 338 8665360

Meditate_Meditative Toolkit_Questions about Meditation

View original post

Perché vaccinare gli anziani?

Standard

OggiScienza

14641556563_5f528b5aa4_z

SALUTE – Riuscire ad allungare l’aspettativa di vita della popolazione non è di per sé un traguardo: il traguardo è aumentare gli anni di vita in salute. Si stima infatti che attualmente l’aspettativa di vita in Italia sia in media 83 anni, mentre quella in salute 73 anni. Un intervallo lungo un decennio.

La Commissione Europea parla in particolare di “invecchiamento attivo”, in cui cioè l’anziano viene messo nelle condizioni di rimanere il più autosufficiente possibile, di praticare un’attività fisica più o meno leggera, ma frequente anche in età avanzata, ma soprattutto di essere adeguatamente protetti da infezioni che è possibile prevenire, come l’influenza stagionale e la patologia pneumococcica. In altre parole: vaccinare di più anche la popolazione anziana, che oggi sceglie di farlo molto poco, circa un anziano su due.

Quella della vaccinazione della popolazione adulta sopra i 50 anni (non solo dunque gli over 65) oggi…

View original post 610 altre parole

Scoperta sulla demenza senile e l’Alzheimer: un farmaco per il cancro è capace di combatterli

Standard

Pianetablunews provvisorio

AlzheimerUn medicinale contro il cancro dà nuova speranza nella lotta contro la demenza senile ed il terribile morbo d’Alzheimer. A segnalarlo in Italia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” associazione da sempre impegnata anche nel divulgare le scoperte scientifiche più recenti per ammalati e pazienti.La scoperta arriva dopo che gli scienziati hanno scoperto che la proteina tossica a lungo ritenuta responsabile d’innescare la demenza non è la vero colpevole. Invece, sarebbe un’altra proteina interamente che  attiva la distruzione delle connessioni vitali del cervello.La ricerca apre la strada ad un trattamento usando il nipotini, farmaco anticancro, che è già assunto da pazienti per combattere un tipo di leucemia.Ciò quando la proteina colpevole dei malfunzionamenti impedisce alle cellule di sgombrare un accumulo di “spazzatura” nel cervello.

View original post 471 altre parole