anziani non autosufficienti….cosa vuol dire?

Standard

Definizione di Non Autosufficienza

La non autosufficienza è la condizione di incapacità di provvedere a se stessi autonomamente. L’OMS definisce “non autosufficienti” le persone che hanno una riduzione parziale o totale delle capacità funzionali che non permettono di condurre una vita in modo considerato “normale”.La non autosufficienza colpisce per lo più le persone anziane over 65 (circa il 94% dei non autosufficienti). Oggi in Italia gli anziani over 65 sono circa 11 milioni pari circa al 22% della popolazione (min. 14,6% in Campania e max 26% in Liguria).

Fondo nazionale Non Autosufficienza

Il legislatore all’art. 15 della legge 328/00, ha stabilito che nell’ambito delle fondo per le politiche sociali sia prevista un quota (fondo ) per i non autosufficienti. L’art 16 riconosce “l’erogazione di prestazioni di aiuto e sostegno domiciliare, anche con benefici di carattere economico, per le famiglie che assumono compiti di accoglienza e di cura dei disabili fisici, psichici e sensoriali e di altre persone in difficoltà,di minori in affidamento, di anziani”

Regione Abruzzo

Per i non autosufficienti il Piano Locale ha previsto una serie di interventi per permettere la permanenza dell’individuo nell’ambito familiare. Gli interventi consistono in: – Assistenza domiciliare integrata – Assistenza domiciliare socio assistenziale – Assegno di cura.

Al fine della concessione dell’assegno di cura il nucleo familiare di riferimento è costituito da quello del solo anziano beneficiario delle cure. Il massimo di ISEE è pari a 13000 euro e l’importo massimo mensile è di 300 euro. Tale importo è decurtato del 50% in presenza dell’assegno di accompagnamento.


Annunci

Vacanze, vecchi e bambini

Standard

cristianostralunato

image

Sono in vacanza, in compagnia di cari amici in un meraviglioso quanto sperduto paesino in provincia di Modena a 1400 metri d’altitudine.

Vicino alla loro casa, in una deliziosa chiesetta di campagna, “Gesù nascosto” (come lo chiama mia figlia e come lo chiamava Francesco il piccolo veggente di Fatima), sembra aspettarmi in questo suggestivo gioco di luce e ombra con la Croce.

Approfitterò spesso di questo regalo.

A casa dei nostri amici c’è anche una bella nonna di novantaquattro anni, amata e coccolata da tutta la famiglia. La Pia, come molte persone della sua età dimentica le cose e ogni volta che incrocia mia figlia le dice, con un sorriso di una dolcezza senile disarmante: “Ma che bella bimba! Come ti chiami? Ci vai a scuola? Quanti anni hai?”

Al manifestarmi la sua giusta perplessità ho risposto a Maria F. che a una certa età gli anziani dimenticano le cose…

View original post 209 altre parole

La compagnia: la medicina migliore

Standard

Very Important Senior

V.I.S. è un progetto pensato per il fare incontrare due generazioni e far si che traggano del beneficio l’una dall’altra. I benefit sono svariati:

  • Imparare l’un l’altro dalla condivisione di esperienze personali,
  • Trovare allegria nella compagnia di persone diverse,
  • Il piacere nello svolgere attività quotidiane insieme,
  • Essere più inclusi nella società moderna,
  • Apprezzare il valore dell’essere attivi in società dando, nel proprio piccolo, ogni contributo possibile.

Questi sono solo pochi esempi tratti dalla lunga lista di fattori positivi che si potrebbero avere a breve termine. La compagnia è fondamentale per il benessere, sia di giovani che di anziani. Questi ultimi sono più a rischio di solitudine, possibile causa di depressione che ostacola la partecipazione del senior nella società. Una fonte di compagnia è dunque vitale, riportando al senior la grinta e la vitalità necessaria per svolgere attività al giorno d’oggi. È una medicina naturale, che…

View original post 10 altre parole

Politiche sociali

Standard

Pontomedusa

Genere: Horror psicologico

Avvertenze: Tematiche forti

slum

Ho aderito al programma.

Ho compilato la domanda in carta semplice e l’ho consegnata all’Ufficio Politiche Sociali. Mi hanno detto che avrei avuto la risposta entro una quindicina di giorni, ma la raccomandata che mi comunicava che ero stato accettato è arrivata dopo una sola settimana.

Ieri sono venuti a prendermi.
Il pulmino si è fermato davanti alla nostra baracca; Amy, che stava giocando fuori con certe lattine vuote che aveva trovato (ha la passione per le lattine di zuppa, quella bambina, forse perché le rare volte che in casa ne entra una piena è come se fosse Natale) è corsa dentro a chiamarci.
Rachel era seduta ad allattare Jamie. Cerca di farlo più che può, perché almeno il suo latte è gratis, ma ormai il bambino avrebbe bisogno di cibi solidi. È piccolo, per i suoi dieci mesi.
Rachel è impallidita, e mi…

View original post 1.166 altre parole

Welfare e terzo settore in un post-it

Standard

Idee per Valenza

postterzoEcco i post-it raccolti durante il tavolo di domenica scorsa.

  • Definire programmi comuni di evoluzione sociale coinvolgendo sport, volontariato sociale, amministrazione e scuole
  • Tutti insieme a pulire la città con il coinvolgimento del Comune
  • Il volontariato può essere il braccio operativo dell’amministrazione se messo nelle condizione di poter operare
  • L’amministrazione deve partecipare alla “vita” delle associazioni, senza avere u n atteggiamento calato dall’alto
  • Il volontariato può essere coordinato dall’Amministrazione per risolvere eventuali particolari situazioni
  • Insieme occorre capire come raggiungere gli ultimi (anziani, extracomunitari, bambini), hanno leggi ad hoc, manca la conoscenza diffusa.
  • Coordinare e monitorare l’azione e il disagio sociale valenzano coinvolgendo il volontariato
  • Lo sport è un servizio sociale
  • E’ indispensabile ritrovare una collaborazione tra l’amministrazione e le associazioni
  • Occorre definire degli obiettivi sociali ed attivare le collaborazioni necessarie
  • Esistono problemi che insieme possono essere superati quali: risorse economiche, strutture (gestione ed organizzazione), strumenti, organizzazione
  • Le associazioni possono giocare…

View original post 380 altre parole

ASSEMBLEA PUBBLICA: RILANCIAMO ROMA, RESTITUIAMO DIGNITA’ AL LAVORO SOCIALE. PER UNA COSTITUENTE DEL SOCIALE E DELLA SOLIDARIETA’

Standard

invito spride

Restituire dignità al lavoro sociale vuol dire riaprire un confronto autentico di rigenerazione delle politiche sociali e del welfare nella città. Significa promuovere i diritti di tutti, a partire da chi è in difficoltà e di chi lavora nel sociale, e renderli effettivi superando le politiche clientelari, caritatevoli e/o securitarie.
Costruire solidarietà è necessario per contrastare una frammentazione sociale allarmante, ma è anche il modo di ragionare sugli strumenti adeguati per realizzare politiche pubbliche efficaci, fortemente radicate nei territori e centrate sul protagonismo delle persone.
Rilanciare la cooperazione è il passaggio necessario per costruire un nuovo sistema di intervento e di relazioni sociali nei territori in cui cittadini, istituzioni, associazionismo, cooperazione, reti, volontariato, movimenti, siano gli agenti stessi del cambiamento.

INVITIAMO IL SINDACO, LA GIUNTA, I CONSIGLIERI, I MUNICIPI, LE ASSOCIAZIONI, LA COOPERAZIONE, GLI OPERATORI SOCIALI, IL VOLONTARIATO, I MOVIMENTI, LE RETI, I COMITATI, I CITTADINI

View original post

Investire nei Servizi per la Salute Mentale dell’infanzia e dell’adolescenza

Standard

Roberto Cerabolini

Riflessioni su una rassegna inglese dei costi e benefici dei Servizi per minori
(leggi la recensione su Scambi di Prospettive)

report-salute-mentaleLe variazioni nelle modalità e nei ritmi dello sviluppo umano sono state al centro dei miei interessi scientifici fin dai tempi della tesi di laurea, negli anni ’70. Le differenze nelle competenze e nelle prestazioni che presentano bambini della stessa età, in parte dovute al patrimonio ‘psicogenetico’ originario e in parte attribuibili all’interazione con l’ambiente, sono variabili che interagiscono nei processi di regolazione e di sviluppo delle funzioni psicologiche, e hanno ricadute significative nelle relazioni sociali, a partire dalle dinamiche familiari. Per questo le basi della salute mentale si costituiscono in età precoce, e si fondano sulla presenza di una sintonia nel rapporto tra il bambino e i suoi caregiver. I lavori di Winnicott hanno avvertito, ormai da molti decenni, che la condizione di salute di un individuo deriva…

View original post 402 altre parole