L’agricoltura rigenerativa medicina della terra

Standard

5 MINUTI PER L'AMBIENTE

I combustibili fossili si stanno esaurendo e le emissioni inquinanti condannano uomini e ambiente; impensabile continuare a sostenere l’attuale domanda di energia, qualsiasi riconversione si adotti. Occorre invece approdare a un paradigma totalmente diverso di filosofia e intenzioni umane, partendo dal rapporto con la terra. E’ la riflessione di Chris Rhodes, direttore del Fresh-lands Environmental Actions, membro della Royal Society of Chemistry e portavoce del movimento delle Transition Town inglesi.agricoltura_rigenerativa

La soluzione? Probabilmente è un insieme di soluzioni individuali e ciò significa adottare un paradigma totalmente diverso di filosofia e intenzioni umane. La domanda più pressante è quella che riguarda la capacità di nutrire la popolazione mondiale e la necessità di risolvere i problemi di città o aree che dipendono completamente dall’esterno per cibo ed elettricità. Allora occorre fare in modo che sussistano sistemi circoscritti all’interno dei quali gli elementi individuali della vita si nutrano a vicenda, in una mutualità…

View original post 414 altre parole

Antinfluenzale: perché l’allarme fa più morti del vaccino

Standard

IAN SAIIN

yr68vaHCP4R2XH98QX8un8bi5DU6_nKv--Mrq5DBFcjihuU4f85smiMGgNNn0d1bFM3-_Du1nGu3XHTX6vda3eMaZyoOCPxqLH0TRfLLDke4JqsvIOk4XGjMhCa6dlKx-eG1uv1EWQmDPs22AN5d1MlJZhKo=w225-h300-nc

Se state leggendo queste righe probabilmente lo sapete già.

Il Comitato di valuitazione dei rischi per la farmacovigilanza (PRAC) riunito presso l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha concluso che non c’è evidenza di alcun nesso causale tra i vaccini antinfluenzali Fluad e le morti segnalate nei giorni scorsi.

Questo è il comunicato del PRAC in inglese, questa è la traduzione italiana.

È stringato ed efficace, dice che “non c’è evidenza di una relazione causale fra i decessi segnalati e la somministrzione di Fluad”, “there was no evidence for a causal relation between the reported fatal events and the administration of Fluad”, e ribadisce l’importanza della campagna vaccinale come unica strategia in grado di ridurre l’incidenza di complicanze e decessi da influenza.

AIFA spiega che per la maggior parte di questi 13 casi, la morte non è correlabile al vaccino per la presenza di cause alternative che possono spiegarla di per…

View original post 258 altre parole

L’infezione e la messa

Standard

Sol Invictus

Si accumula l’evidenza che i microrganismi sono spesso la causa di malattie mentali. Virus come HIV e Herpes Simplex sono stati collegati a problemi neuropsichiatrici e i media hanno riportato recentemente la notizia dell’utilizzo di antibiotici per curare la PANDAS una malattia autoimmune associata a infezione da streptococco (1 & 2). Un ricercatore ha proposto una teoria secondo la quale la causa del disturbo depressivo maggiore (MDD) è una malattia infettiva (3). Osserva che i sintomi e i marker infiammatori trovati nei pazienti MDD sono quelli di un’infezione. Sottolinea come cause l’infiammazione da disbiosi (alterazione della flora batterica), la sindrome da intestino permeabile e la relazione nota fra batteri gram negativi e depressione riscontrata nei topi e negli umani. Però al momento non c’è una prova definitiva del coinvolgimento di microorganismi patogeni anche se ve ne sono diversi che causano la depressione come per esempio il Borna Disease Virus, zoonotico…

View original post 729 altre parole

Alimentazione per il raffreddore e l’influenza

Standard

La Cucina Dei Briganti

Iniziamo con questo post una serie dedicata alla guarigione naturale. Diceva Ippocrate: “Fa che l’alimento sia la tua medicina e la tua medicina sia il tuo alimento“. Condividiamo appieno il principio. Guarire con l’alimentazione si può, soprattutto quando si tratta dei disturbi comuni, che rappresentano la stragrande maggioranza dei nostri problemi di salute.

Iniziamo la serie con un tema “autunnale”:

Raffreddore ed influenza

Non siamo amici delle medicine. La televisione ci insegna a prendere paracetamolo ed un’abbondanza di altre pillole. Qui invece si suggerisce di provare un altro cammino. Fare una prova non costa nulla: sperimentiamo due giorni; nessuno è mai morto per due giorni di digiuno. Se non funziona possiamo integrare con qualche soluzione della medicina convenzionale.

Impariamo ad ascoltare il nostro corpo. Cercando di mettere da parte per un momento le credenze popolari che dicono di mangiare durante l’influenza perché altrimenti “l’organismo si debilita”, ascoltiamoci e…

View original post 295 altre parole

Gli incredibili dati sulla resistenza agli antibiotici nel Mondo.

Standard

Info Med

La resistenza agli antibiotici può diventare un problema Mondiale? La farmacoresistenza che stanno acquistando e batteri2sviluppando moltissimi ceppi di batteri, dall’ E.Coli al Mycobacterium Tubercolosis, sta generando molta preoccupazione all’interno della comunità scientifica e non solo. Infatti, ogni anno, nel Mondo muoiono 700 mila persone a causa della resistenza agli antibiotici. Secondo uno studio dell’economista Jim O’Neil pubblicato sul sito ufficiale della BBC, i paesi più colpiti sarebbero: Russia, Brasile, India, Cina, Messico, Indonesia, Nigeria e Turchia. Inoltre, l’economista inglese aggiunge che “in Nigeria nel 2050 più di un decesso su quattro sarà attribuibile a infezioni resistenti ai farmaci, mentre l’India andrà incontro a due milioni di vittime ogni anno a causa di questo problema”. Insomma, il problema che si prospetta all’orizzonte potrebbe assumere dei rilievi impressionanti soprattutto sul piano economico come sottolinea Jeremy Farrar, direttore della Fondazione Scientifica Wellcome Trust, quando dichiara che “mettendo in evidenza gli enormi costi…

View original post 71 altre parole

disturbi alimentari: piaga del XXI secolo

Standard

Science and medicine

I disturbi alimentari sono un modo per comunicare sofferenze quali lutti, abbandoni, abusi e maltrattamenti spesso in età precoce.  Pensare in modo ossessivo al “cibo-corpo-peso” diventa un anestetico che permette di non sentire la sofferenza. È un’auto-cura. Questo è un modo per sopravvivere. In Italia sono oltre 3 milioni di persone a soffrire di DCA (disturbi del comportamento alimentare), oltre l’ 80% hanno subito abusi e maltrattamenti. Nell’ 85% dei casi si tratta di donne adulte, adolescenti e bambine. Negli ultimi anni il fenomeno riguarda anche gli uomini(circa il 20%). Questi disturbi non devono essere scambiati per malattie dell’appetito. Sono disagi psicologici profondi, “malattie dell’amore”. L’ approccio nutrizionale non  permette di elaborare le autentiche cause di questa grave patologia che copre una disperata fame d’amore.

L’anoressia e la bulimia sono la più grave forma di dipendenza che esita nonostante siano ancora sommerse.

“L’anoressia e la bulimia sono il sintomo…

View original post 1.358 altre parole